← Torna alla categoria Controllo e sistemi di processo

La rivoluzionaria nuova piattaforma SCADA si adatta alle tendenze e ai requisiti del settore 4.0

Industry 4.0 è un concetto che ha plasmato drasticamente l'automazione sin dalla sua ideazione alla fiera 2011 di Hannover

Raggiungere una "fabbrica intelligente" richiede l'interoperabilità totale e la massima trasparenza delle informazioni tra i dispositivi, il che significa che il software SCADA deve essere più versatile che mai. Questi requisiti sono stati attentamente considerati da Progea, in quanto lanciano la loro rivoluzionaria piattaforma SCADA, Automation Platform.NExT. Il nuovo sistema SCADA è stato progettato per servire e accogliere le tecnologie esistenti e nuove che definiranno il raggiungimento della "Quarta rivoluzione industriale".

Paul Hurst, Director presso Products4Automation Ltd, distributore esclusivo di Automation Platform.NExT nel Regno Unito, spiega come le nuove funzionalità incluse nella piattaforma soddisfino le tendenze e i requisiti che definiscono Industry 4.0.

Automation Platform.NExT è stato progettato come un prodotto SCADA a prova di futuro, quindi perché è stato scritto dai primi principi del framework .NET. Progea ha trascorso quattro anni intensamente a ricercare e testare la piattaforma di automazione.NExT, mantenendo un dialogo costante con gli utenti e l'industria per valutare l'idoneità delle nuove funzionalità.

Stare al passo con l'espansione

Una delle principali condizioni di Industry 4.0 è la scalabilità. Industry 4.0 richiede che i dispositivi di campo di varie specifiche hardware possano comunicare apertamente tra loro, per costruire una rete singolare che riunisca tutti i dispositivi in ​​una struttura. Inoltre, essere in grado di espandere il sistema SCADA man mano che la tua azienda cresce, è una preoccupazione primaria, poiché una facile integrazione di nuovi dispositivi può ridurre notevolmente i costi di installazione e risparmiare tempo. La risposta a questo è stato quello di fornire un sistema SCADA versatile e modulare che potesse essere facilmente gestito.

Automation Platform.NExT è stato specificamente progettato per funzionare su Windows 10, che offre molti vantaggi innati per la scalabilità. Molti dispositivi più piccoli, come Raspberry Pi, sono ora supportati da Windows 10. Ciò significa che dispositivi che normalmente non sarebbero in grado di essere integrati in un sistema unificato ora possono fare proprio questo. Per aggravare questi vantaggi, Microsoft ha assicurato che Windows 10 sia compatibile con Internet of Things (IoT), consentendo a più dispositivi di comunicare sulla piattaforma con facilità. Se sono supportati dispositivi di dimensioni così ridotte, offre agli integratori gli strumenti per creare un sistema di monitoraggio unificato e personalizzato. Automation Platform.NExT offre il potere di servire le strutture più grandi, ma anche la versatilità di incorporare i dispositivi più piccoli nella sua struttura.

La scalabilità è ulteriormente supportata da Automation Platform.NExT tramite la propria struttura modulare. La piattaforma consente l'aggiunta di plug-in e moduli, consentendo la totale centralizzazione e personalizzazione dei processi e delle relative informazioni. Inoltre, le informazioni possono essere assegnate ai tag che possono essere popolati su dispositivi o processi connessi, fornendo centri di informazione globale per entrambe le sezioni dell'impianto o per la sua interezza. Ciò consente la totale trasparenza delle informazioni, consentendo agli utenti di creare una copia virtuale dei loro processi fisici con modelli accurati e dati in tempo reale.

Chiarezza visiva dinamica

La chiarezza delle informazioni è ottenuta tramite Windows Presentation Foundation (WPF) supportato da grafica DirectX. Ciò offre agli operatori SCADA la possibilità di creare grafica 2D e 3D moderne con funzioni dinamiche che offrono anche molto spazio per l'utente artistico. Tali caratteristiche consentiranno agli utenti di creare e adattare il loro sistema SCADA agli sviluppi all'interno dell'impianto, consentendo al tempo stesso una facile integrazione e rappresentazione di nuove tecnologie nei loro sistemi centralizzati.

L'interoperabilità è una risorsa fondamentale per la progettazione di software che si muoverà con il concetto Industry 4.0. La creazione di una rete globale si basa non solo sulla manutenzione di varie funzionalità hardware, ma anche sulla possibilità di comunicare con i protocolli che li governano.

Progea ha quindi progettato Automation Platform.NExT per essere compatibile con il protocollo di rete OPC UA, uno dei linguaggi di comunicazione industriale più utilizzati sul mercato. Ciò consente maggiori possibilità per gli integratori, fornendo allo stesso tempo l'efficienza e la sicurezza nella comunicazione che è data con una piattaforma comprovata. Anche l'apertura è aumentata notevolmente, poiché OPC UA può entrare in contatto con alcuni dei più recenti prodotti di automazione per entrare nel mercato e sarà uno standard a lungo nel futuro. Offrendo apertura su un protocollo collaudato, Progea mirava a creare una piattaforma SCADA dinamica e a prova di futuro.

I dati raccolti tramite queste comunicazioni sono gestiti da un I / O Data Server, che fornisce una connettività industriale totale. Tutti i tipi di dati sono supportati, rendendo i limiti tradizionali ridondanti e consentendo agli utenti di avere il controllo completo sui tipi di dati. Tramite OPC UA è possibile accedere ai dati, agli allarmi e alle condizioni, oltre all'analisi storica, per accedere ovunque, in qualsiasi momento tramite il Cloud. Inoltre, la gestione dei driver del server I / O utilizza protocolli specifici per dispositivi di campo come Siemens, Rockwell, Omron, Modbus, Profibus, PROFINET, Konnex, EtherCAT e PowerLinK.

Accesso remoto

Il cloud è un componente chiave dell'Industry 4.0, poiché consente agli operatori di accedere al proprio sito 24 al di fuori delle ore al giorno. Ospitando processi e dati associati sul Cloud, gli utenti possono diagnosticare rapidamente gli allarmi e valutare le prestazioni da un dispositivo wireless portatile. Automation Platform.NExT offre questo supporto per gli HMI, ma anche per i dispositivi palmari iOS e Android. Installando un'app, gli operatori possono controllare e monitorare le strutture lontano dal sito con totale comodità. Questo è abilitato da un client Web HTML5, progettato per stare al passo con i più recenti servizi e dispositivi basati sul web. Offrendo il monitoraggio off-site multipiattaforma, Progea ha consentito ai vantaggi del cloud computing di raggiungere dispositivi non tradizionalmente serviti dal software SCADA, aumentando notevolmente l'accessibilità.

Con l'accessibilità arriva il problema della sicurezza, un problema di Automation Platform.NExT ha affrontato un sistema estremamente robusto per la gestione di utenti e password. Ciò garantisce che l'ingegneria di progetto sia in confluenza con un protocollo di sicurezza rigoroso, che viene applicato a tutti i sistemi rappresentati sulla piattaforma. Agli amministratori possono essere assegnate le autorizzazioni, ma anche le funzioni di comando e azione per creare autorizzazioni selettive per gli utenti riguardo a progetti separati e tag di processo. Progea ha assicurato che l'elevata sicurezza sia accompagnata dalla versatilità, consentendo agli utenti finali di impostare i poteri amministrativi e l'accesso necessari.

Automation Platform.NExT si differenzia dal resto della gamma Progea essendo attivamente orientata alle tecnologie future. Mentre Movicon 11 può offrire un'opzione più adatta per determinate applicazioni, gli utenti che desiderano fare il passo successivo nella connettività e nel monitoraggio dei dispositivi su una piattaforma SCADA a prova di futuro richiederanno Automation Platform.NExT. La sua trasparenza e versatilità senza eguali consentono agli operatori di creare un sistema veramente su misura che ha anche i vantaggi della comunicazione totale con tutti i processi all'interno di una struttura. La facile integrazione di nuovi dispositivi e tecnologie è interamente supportata, promuovendo al tempo stesso gli attributi necessari per tenere il passo con gli sviluppi di Industry 4.0.

Process Industry Informer

Notizie correlate

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati dei tuoi commenti.