← Torna alla categoria Manutenzione e gestione delle risorse

Nuovo rapporto Indica Regno Unito non è preparato per l'Industria 4.0

Il Regno Unito è mal sottovalutato per l'industria 4.0, secondo un nuovo rapporto pubblicato da ERIKS questa settimana

Il rapporto, intitolato 'Il Regno Unito è pronto per l'industria 4.0? La manutenzione industriale in un mondo connesso di Big Data "rivela che la 61% degli ingegneri britannici non sta attualmente intraprendendo alcuna iniziativa Industry 4.0, nonostante il fatto che la stragrande maggioranza (80%) ritenga che avrà un effetto positivo sulla loro produzione e pratiche di manutenzione.

Il rapporto mette in evidenza alcuni ostacoli importanti all'attuazione dell'Industry 4.0 nel Regno Unito, inclusi problemi di sicurezza, una mancanza di comprensione dei suoi potenziali benefici, in particolare tra i senior manager, e una riluttanza a condividere dati con fornitori di manutenzione o OEM di terze parti, che potrebbero facilitare pratiche di manutenzione più progressive, come il monitoraggio delle condizioni a distanza.

In effetti, i risultati suggeriscono che 79% delle organizzazioni offrirebbe limitata o nessuna comunicazione dei suoi dati, nonostante 56% ammettendo che avevano bisogno di sostegno da un OEM o di terzi di utilizzare i propri dati per la diagnosi della macchina.

Gary Price, International Product Manager, Automation and Services di ERIKS Group, ha dichiarato: "Questi risultati suggeriscono che l'industria del Regno Unito è mal sottosposta. Apparentemente l'industria è pienamente consapevole di avere un deficit di raccolta e analisi dei dati, ma non vuole o non è in grado di impegnarsi con la propria catena di approvvigionamento industriale per ottenere aiuto. In effetti, gli esperti - che potrebbero aiutare a progettare i sistemi di rilevamento, raccogliere e analizzare dati che potrebbero rivoluzionare la manutenzione industriale e portare avanti tattiche, come la manutenzione predittiva e il monitoraggio delle condizioni - sono tenuti a distanza ".

Il rapporto evidenzia anche le preoccupazioni circa un divario di età nel settore manifatturiero nel Regno Unito, con i dirigenti meno probabile rispetto ai loro colleghi più giovani ad avere una piena comprensione dei benefici di industria 4.0 e la volontà di condividere i loro dati. Solo 15 per cento di oltre 55s consentirebbe la piena divulgazione di macchine o di produzione con gli OEM rispetto al 34% di anni di età 25-33.

Cosa c'è di più, 72% di anni di età 25-34 credono hanno bisogno del sostegno del produttore OEM di utilizzare i dati per la diagnosi della macchina o ricerca guasti, rispetto a solo il 35 per cento di oltre 55s.

Gary Price, ha dichiarato: "C'è un vero divario di età in via di sviluppo perché la vecchia generazione di ingegneri, molti dei quali ricoprono posizioni di rilievo nell'industria del Regno Unito, sembra essere più scettica e più avversa al rischio. Al contrario, la generazione più giovane di ingegneri comprende che ha bisogno del supporto di fornitori esterni ed è molto più disposto a condividere i dati.

"Siamo anche preoccupati per il divario di età dimostrato da questo rapporto. L'industria 4.0 si sta muovendo rapidamente, ma la generazione più anziana sembra essere più scettica e più avversa al rischio. "

Egli ha detto: “L'industria 4.0 offre straordinarie opportunità per l'industria per la connessione con la sua catena di fornitura e l'uso delle sue capacità. Dobbiamo cogliere l'occasione per collegare l'industria e la catena di approvvigionamento industriale, al fine per il Regno Unito di produzione per diventare più produttivi, più efficiente e più competitiva “.

ERIKS UK

Notizie correlate

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo e-mail non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati dei tuoi commenti.