← Torna alla categoria Acquisizione dati, Networking, Comms e IIoT

Ridurre i data center passività patrimoniali con Ha-VIS RFID antenna LOCFIELD® di HARTING

data center

Con titoli regolari sull'ultimo attacco alla criminalità informatica che ruba dati importanti o commercialmente sensibili, la sicurezza fisica delle apparecchiature IT è spesso trascurata. Un'area in particolare è il furto quasi casuale di piccoli pezzi di equipaggiamento dai rack. Ad esempio, l'ultimo disco rigido 10TB con elio rappresenta un investimento di 600 £ e con un massimo di 22 unità utilizzate in uno storage array 4U, la perdita da furto può essere notevole.

Il monitoraggio costante di quali attrezzature si trova all'interno del data center ha ulteriori vantaggi non solo in termini di sicurezza, ma anche nella gestione di raffreddamento requisiti flusso d'aria e il consumo di energia, che sostengono sempre più bisogno di dimostrare la conformità con le iniziative di Green IT.

In risposta, i data center sono stati sempre più alla ricerca di soluzioni economicamente vantaggiose per la gestione delle risorse chiave. Gestione dell'infrastruttura dei data center (DCIM) [1] è un approccio di gestione olistica emergente che combina apparecchiature e servizi di data center tradizionali con software di monitoraggio per il controllo centralizzato. DCIM include componenti di livello fisico e patrimoniale e combinando sia la tecnologia informatica che la gestione delle strutture aumenta l'efficacia di un data center.

L'RFID è stato visto da molti come un elemento chiave per fornire il monitoraggio in tempo reale della posizione dei componenti all'interno del data center. Installando tag RFID passivi su tutti i componenti rimovibili del centro dati rack, gli integratori di sistemi e i responsabili delle operazioni del sito possono facilmente utilizzarli non solo per registrare posizioni ma maggiori informazioni sul dispositivo rispetto a prima con i tag di asset standard.

Ma come si implementa il monitoraggio RFID è fondamentale per le prestazioni del sistema.

Ha VIS RFID antenna LOCFIELD fico 1

Ha-VIS antenna RFID LOCFIELD® di Figura 1 HARTING posizionate a una forma a S con distanziatori isolanti sul lato posteriore di un server di dati centrale del rack sportello di accesso frontale per la migliore copertura possibile campo RF.

sistemi per la lettura RFID palmari portatili hanno una piccola gamma UHF lettura e solo offrono una performance leggermente migliore rispetto affidamento su documenti cartacei o codici a barre perché richiede ai dipendenti di camminare lungo corridoi e identificare il pezzo di attrezzature e la sua posizione. Questo è un compito molto tempo e come tale non è realizzato molto spesso. Essa si basa anche sulla competenza e l'integrità del l'operatore che effettua il controllo.

Fino ad ora non era realistico dal punto di vista della posizione fisica integrare direttamente anche le antenne passive RFID passive UHF passive in array di server rack di data center esistenti.

In genere, le antenne 4 dovrebbero essere montate separatamente su entrambi i lati della parte anteriore di ciascun rack del server, sia nella parte superiore che in quella inferiore e posizionate con cura per garantire che non vi siano lacune nella copertura del campo RF. Corrispondentemente, con tale accordo sarebbe anche necessario utilizzare più lettori, con un conseguente costo di installazione eccessivo

HARTING ora ha la soluzione ideale per rimuovere questa antenna multipla a costo più elevato e la disposizione dei lettori con l'innovativa antenna per guida d'onda coassiale Ha-VIS RFID LOCFIELD®.

Possono essere integrati direttamente, con distanziali isolanti, sul lato posteriore dello sportello di accesso frontale di ciascun rack del server. Solo una di queste antenne Ha-VIS RFID LOCFIELD® deve essere installata per un rack sever 45U installato. Inserendo un design a forma di S esteso (vedi Fig. 1) è possibile ottenere il miglior campo di copertura RF possibile del rack completo. In combinazione con un singolo lettore che ha la potenza necessaria per corrispondere alle corrette distanze di lettura, può registrare tag RFID passivi che forniscono un'identificazione specifica dell'oggetto all'interno di un rack e funzionalità aggiuntive del sensore, ad esempio rilevamento di slot vuoti o occupati, minimizzando così il sistema completo del data center costo di installazione.

di HARTING Ha-VIS RFID LOCFIELD® è un'onda RFID antenna costituito da un cavo coassiale che, quando collegato a antenna porto di uno HARTING UHF EPC Class1 Sesso 2 lettore-convia il segnale RF del lettore lungo l'anima in rame del cavo e verso l'estremità lontana dell'antenna, dove a accoppiamento elemento estrae l'onda RF all'esterno e all'esterno del cavo. Quando quel segnale raggiunge il lettore, Un proteggendo schermo metallico impedisce la interrogatorio da ricevere il proprio segnale e interferire con le sue prestazioni. NB L'Ha-VIS LOCFIELD ® antenna non dovrebbe essere montata direttamente su una superficie metallica ma cresciuto-off leggermente con distanziatori isolanti.

Ha VIS RFID LOCFIELD atenna fico 2

Figura 2 HARTING Ha-VIS RFID antenna LOCFIELD®

Grazie alla sua natura funzionale, l'antenna Ha-VIS RFID LOCFIELD® facilita il monitoraggio in tempo reale dei movimenti in entrata e in uscita verso l'armadio del rack ed è disponibile in diverse lunghezze fino a metri 10 ed ha un diametro di 5 millimetri. Se usato con un potente lettore, come il lettore a lunga distanza Ha-VIS RF-R500 di HARTING che trasmette un segnale di 4 watt (36dBm), può leggere i transponder 1 di slot XSCUMX di classe EPC passivi situati fino a 2 metri di distanza radialmente su tutta la sua lunghezza.

In parole povere, le antenne Ha-VIS RFID LOCFIELD® di HARTING consentono di identificare ciò che si trova in un rack del data center, il suo stato di popolazione e il luogo in cui si trova un oggetto specifico.

Per saperne di più su come è facile installare un HARTING Ha-VIS antenna RFID LOCFIELD® in ambiente di data center visita www.harting-rfid.com


[1] DCIM è stato originariamente definito negli Stati Uniti e descrive una metodologia di IT e di gestione delle strutture

HARTING limitata

Notizie correlate

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo e-mail non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati dei tuoi commenti.