← Torna alla categoria Acquisizione dati, Networking, Comms e IIoT

La nuova soluzione per la comunicazione Machine-to-Machine per l'automazione industriale e la produzione

Le comunicazioni Machine-to-Machine (M2M) rappresentano la chiave per un nuovo paradigma di automazione industriale e produzione. Jeremy Shinton, Product Manager - Business Solutions & Software per Mitsubishi Electric, spiega come.

Non importa quale settore si opera in, i requisiti per lo sviluppo di nuovi servizi, migliorare la produttività, aumentare l'efficienza e risolvere i problemi critici sono temi comuni. Tutti i settori produttivi, vi è anche la pressione per costruire prodotti di migliore qualità e di essere in grado di produrre quei prodotti con maggiore flessibilità, spesso con livelli senza precedenti di personalizzazione.

Essere in grado di fare questo fa affidamento su due cose di vitale importanza: enormi quantità di dati e la capacità di analizzare e agire sulle informazioni che fornisce i dati.

In passato, la quantità di dati disponibili è limitato. Nonostante le discussioni su questioni come la comunicazione remota, connettività aziendale, telemetria e di più, la quantità di dati raccolti è stato limitato e tendeva a rimanere locale. Che anche posto l'accento su operatori e tecnici per essere locale al fine di prendere decisioni operative a livello di impianto e significava che le decisioni di livello superiore sulla produzione si facevano più sull'intuizione che su reali esigenze - se davvero, venivano effettuate a tutto.

Uno dei primi fattori di cambiamento è stata la rapida adozione di Ethernet per la spina dorsale delle comunicazioni industriali, aprendo il trasferimento dei dati non solo intorno al livello di impianto, ma anche tra il pavimento impianti e sistemi aziendali di più alto livello. Poi è arrivata la connettività a Internet, consentendo il monitoraggio remoto, diagnostica e persino il funzionamento. Allo stesso tempo, le nuove generazioni di dispositivi intelligenti - sensori, attuatori e altri - ha iniziato a fornire interi nuovi livelli di dati di stato, l'efficienza di produzione, il consumo di energia, la disponibilità della macchina e più.

Solo questo ci ha portato un nuovo modello di gestione integrata e produzione flessibile, sotto la bandiera della 'convergenza di produzione'. Tuttavia, il pezzo finale del puzzle ha rivelato un quadro molto più grande e questo è stato guidato dal mercato consumer: è la rivoluzione GSM.

Se potessimo puntare a qualsiasi cosa che frenasse realmente la vera connettività industriale nei decenni precedenti, allora era sicuramente il costo e la difficoltà di inviare dati su lunghe distanze. La telematica poteva gestire solo piccoli volumi di dati, spesso solo in una direzione. La connettività Ethernet e Internet ha rivelato come grandi volumi di dati, resi disponibili ovunque, possano davvero aiutare a migliorare le operazioni di produzione e ora le reti GSM stanno promettendo il trasferimento bidirezionale ad alta velocità di grandi volumi di dati tra i singoli dispositivi, con a malapena una considerazione necessaria per la portata, la durata, la potenza, i costi o i limiti dei dati e senza spese sostenute per l'infrastruttura di rete o l'installazione.

Si tratta di "Internet of Things" (IoT) o, in alternativa, di comunicazioni Machine-to-Machine (M2M). I singoli dispositivi acquisiscono un evento e trasmettono i dati attraverso una rete (cablata, wireless o ibrida) a un'applicazione (programma software) che traduce i dati acquisiti in informazioni significative. È un punto di svolta nelle applicazioni industriali, con una larghezza di banda crescente in linea con i tempi di connessione e le soluzioni sempre più convenienti.

Si calcola che l'era M2M vedrà una stima di 50 miliardi di dispositivi connessi alla rete GSM entro la fine del decennio, guidando un nuovo modello di intelligenza connessa. Gli esperti prevedono che la possibilità di accedere, analizzare e agire in base ai dati incrementati forniti dalle soluzioni M2M potrebbe generare fino a $ 100 miliardi di risparmi annuali grazie al miglioramento delle efficienze di materiali, energia, produzione e logistica. La qualità e le rese dei prodotti miglioreranno, i costi operativi possono essere controllati in modo più efficace e la produzione può essere ottimizzata per soddisfare al meglio le richieste dei clienti sempre più esigenti.

Mitsubishi Electric è in prima linea di questa rivoluzione con la sua piattaforma M2M, offrendo a prezzi accessibili, connettività dati globali end-to-end IP in settori quali il monitoraggio ambientale, SmartGrid, il monitoraggio gasdotto, il controllo della macchina, l'estrazione mineraria, servizi idrici, telecomunicazioni, settori edilizia e impianti di gestione. La soluzione si basa sul software SCADA MAPS e PLC Mitsubishi FX / L / Q della serie, sia per il controllo e l'acquisizione dati, da e verso siti remoti. L'intelligenza della comunicazione risiede nei blocchi funzionali standard PLC abbinato a un driver M2M nel MAPS SCADA.

Nella soluzione, il PLC diventa il padrone di tutte le comunicazioni. La soluzione di Mitsubishi M2M non richiede un IP fisso o dinamico NDS middleware. Ciò significa che è possibile utilizzare questa soluzione su qualsiasi rete GPRS / GSM e non richiede un IP statico dal provider di servizi Internet. L'unico IP fisso desiderato è sul server MAPS I / O. Tutti i dati possono essere resi disponibili in modo sicuro su un APN pubblico.

La soluzione Mitsubishi M2M fornisce comunicazione remota con PLC senza la presenza di un tecnico in loco. L'operatore può monitorare e controllare un singolo dispositivo o gruppo di dispositivi attraverso l'interfaccia MAPS SCADA. Questa soluzione può anche permettere un tecnico non programmazione PLC via etere al dispositivo M2M. Non c'è bisogno di un tecnico per andare al sito per fare un cambio di programma.

Il driver M2M intelligente in MAPS monitora automaticamente la connessione tra il server MAPS I / O e il PLC nel campo, senza la necessità di polling o stabilire una connessione al dispositivo. L'operatore sarà comunicato se il collegamento va giù. L'operatore sarà inoltre notificato quando il collegamento di comunicazione è di nuovo in salute. Informazioni sulle comunicazioni è disponibile per qualsiasi dispositivo sulla rete M2M.

La soluzione Mitsubishi M2M offre comunicazioni efficienti con costi-efficacia il trasferimento dei dati. Il PLC può essere configurato per inviare dati in un intervallo di tempo, in una situazione di allarme quando i limiti tampone di conservazione vengono raggiunti, o quando viene interrogato manualmente. Eventi e dati di allarme vengono trasmessi al SCADA contemporaneamente. Le comunicazioni possono anche essere impostati in modalità di vivere che mostrerà i dati in tempo reale come i cambiamenti del sito.

In definitiva, le comunicazioni M2M rende i dati lo strumento di gestione definitiva, ci permette di implementare e gestire sistemi molto più sofisticati e complessi, pur mantenendo una salda presa di ciò che accade all'interno di tali sistemi. Mentre ci dirigiamo verso il nuovo paradigma di produzione di 'Industria 4.0', con le fabbriche intelligenti e prodotti che producono in modo efficace se stessi, è M2M che fornirà il facilitatore, con nuove architetture di comunicazione device-to-device che sostituiscono le tecnologie di rete master / slave che attualmente sono il cardine di reti di automazione. Con le macchine di nuova intelligenti e analisi software avanzate, le fabbriche e le piante del futuro saranno in grado di ottimizzare se stessi per aumentare le prestazioni di business e ridurre i costi.

Process Industry Informer

Notizie correlate

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo e-mail non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati dei tuoi commenti.