← Torna alla categoria Azionamenti e motori

Dal motore alla linea di fondo, beneficia di una più ampia visione di efficienza energetica

A un anno dagli aggiornamenti della direttiva ErP, Mark McCall, Category Manager di Rexel, spiega perché adottare un approccio proattivo e olistico alla gestione del consumo energetico e specificare soluzioni efficienti in aree operative nascoste come i motori elettrici, ha un buon senso arriva ad affrontare l'aumento dei costi energetici.

La base industriale del Regno Unito è ad alta intensità energetica e consuma enormi quantità di energia quando le aziende intraprendono attività quotidiane. Il solo settore chimico rappresenta il 22% del consumo totale di energia industriale del Regno Unito, mentre nell'industria della produzione di vetro il consumo di energia è responsabile del 35% dei costi variabili di un'azienda.

In un momento in cui l'aumento dei costi energetici non mostra alcun segno di rallentamento, c'è inevitabilmente una crescente attenzione su come le aziende industriali, in quanto utenti energetici significativi, possono migliorare le loro prestazioni di efficienza energetica e ridurre i relativi costi energetici per sostenere prospettive finanziarie più salutari.

Scelta del motore elettrico e risparmio sui costi

A un anno dalla pubblicazione dell'ultima fase della direttiva sui prodotti energetici (ErP) basata su consulenze, che si applica a tutti i prodotti connessi all'energia venduti in settori commerciali e industriali all'interno dell'UE, è ora trascorsa un anno. Concentrandosi sull'efficienza dei motori elettrici, la direttiva ha visto molte aziende iniziare a riconoscere il potenziale di risparmio energetico in relazione al ruolo e all'impatto dei motori elettrici. In effetti, l'uso dei motori elettrici è enorme, con l'UE che stima che i motori rappresentano il 50% di tutta l'elettricità consumata in Europa.

E con questo aumento di utilizzo, arrivano maggiori costi. Con oltre il 66% dei costi elettrici di un'azienda industriale legati all'utilizzo di motori elettrici, mentre il 21% del consumo elettrico del Regno Unito deriva da applicazioni a motore elettrico. La specifica del motore è un'area ideale da esaminare quando si tratta di dove e in che modo i livelli di consumo energetico industriale possono essere influenzati positivamente.

Mentre la tendenza naturale è quella di indagare su aree operative dirette quali i costi energetici relativi all'illuminazione e al riscaldamento all'interno di un ambiente industriale, farlo isolatamente non porterà, in definitiva, i grandi risparmi energetici che le aziende industriali stanno cercando.

Una strategia a livello operativo dovrebbe adottare un approccio olistico all'efficienza energetica; uno che non cerca solo risposte nelle aree di illuminazione, aria condizionata e riscaldamento, ma include anche importanti aree che consumano molta energia, come i motori elettrici. Solo attraverso un processo di valutazione, misurazione e controllo è possibile guidare un cambiamento reale e, grazie alle numerose soluzioni sul mercato, i motori elettrici dovrebbero essere considerati una vittoria facile all'interno di qualsiasi schema di risparmio energetico pianificato.

Naturalmente, per molte aziende che assumono una posizione olistica può essere difficile, motivo per cui in Rexel, siamo in grado di collaborare con le aziende per fornire sondaggi sull'energia, allineando i vostri esatti requisiti energetici con i prodotti più efficienti dal punto di vista energetico per la distribuzione e il controllo motorio.

Il fatto stesso che se la velocità di un motore elettrico viene ridotta di 80% fornirà un 50% di risparmio energetico è una prova convincente di dove è possibile ottenere risparmi reali sulle bollette energetiche.

Sebbene la direttiva ErP sia solo di consulenza, i suoi principi hanno un buon senso commerciale se le imprese industriali devono far progredire l'efficienza energetica in tutte le sue operazioni, e non solo nelle aree ovvie. Molte aziende devono ancora riconoscere i vantaggi che un investimento può offrire a lungo termine.

Il livello minimo di efficienza energetica per i motori elettrici come prescritto nel gennaio 2017 ErP è un buon inizio. Conformità al suo consiglio per garantire che tutti i motori a gabbia di scoiattolo con una potenza nominale di 0.75 a 375 kW devono essere forniti come motore di efficienza IE3, o come un motore di efficienza IE2 con un azionamento a velocità variabile (VSD), può dare un contributo reale obiettivi di efficienza energetica.

In Rexel collaboriamo con la nostra rete di fornitori autorizzati per fornire soluzioni leader del mercato con disponibilità immediata. I nostri collegamenti diretti con i produttori ci consentono di offrire informazioni tecniche e know-how sui prodotti.

Naturalmente, la scelta migliore per la soluzione motoria dipende dall'applicazione. In caso di velocità fisse o frequenze di commutazione inferiori, gli avviatori motore standard offrono un costo di installazione inferiore. I VSD sono più adatti per applicazioni che hanno velocità variabili o carichi alternati frequenti.

La nostra gamma di motori a velocità fissa lE3 offrirà anche il risparmio energetico per soddisfare la direttiva ErP. Quando si adottano i prodotti IE3, è anche importante considerare l'uso di quadri di alta qualità con dispositivi di protezione che hanno il modello di scatto corretto e un servizio di commutazione progettato per un motore IE3.

Vale la pena notare che i rendimenti a lungo termine possono essere molto più elevati con una soluzione conforme a IE3. In molte applicazioni con ventole e pompe è possibile ottenere guadagni di efficienza fino al 70 percentuale, mentre altri vantaggi includono una maggiore durata del motore, meno manutenzione e un ridotto rischio di danni al motore e ai macchinari durante l'avvio, la marcia e l'arresto.

Quindi, mentre le sfide per le imprese industriali in termini di gestione dei consumi e dei costi energetici si intensificheranno solo negli anni a venire, con l'aumento dei costi in aumento. Adottare un approccio proattivo, pianificato e olistico all'esame del consumo di energia e adottare alcune semplici misure per migliorare le prestazioni di efficienza energetica in tutte le aree operative, come i motori elettrici, contribuirà notevolmente a ottenere vantaggi tangibili.

Process Industry Informer

Notizie correlate

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo e-mail non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati dei tuoi commenti.