← Torna a categoria Tanks & Vessels

Massimizzare rinnovabili Incentive calore pagamenti attraverso efficiente design AD impianto

Il futuro del settore delle energie rinnovabili nel Regno Unito è a un bivio, con alcune tecnologie di energia rinnovabile che sono favorite più di altre

In particolare, la generazione di calore rinnovabile è un obiettivo primario del governo britannico. Tuttavia, il percorso tecnologico favorito non è ancora chiaro, ma qualunque sia la strada intrapresa, un'operazione economicamente efficace sarà un fattore chiave del successo.

Martin Grant, Lipp’s UK Marketing and Sales Manager, explains why this is especially true in the world of Anaerobic Digestion (AD), an area of renewable energy that Lipp has over 40 years of experience in.

In the recent autumn 2015 spending review the UK Government stated that it will increase funding for the Renewable Heat Incentive (RHI) scheme to £1.15 billion in 2021 to ensure that the UK continues to make progress towards its climate goals, while also reforming the scheme – delivering intended savings of almost £700 million by 2020-21.

In termini di digestione anaerobica, gli attuali pagamenti RHI comportano calcoli che considerano non solo il calore globale e l'energia generata, ma anche la quantità di ciò che si è riciclata e utilizzata per sostenere il processo di digestione anaerobica in sé. Pertanto, i pagamenti effettuati per l'energia prodotta sono calcolati su una rete piuttosto che base lorda. Il calore utilizzato per sostenere il processo di digestione anaerobica viene detratto dalla potenza termica complessiva prodotta e il risultato netto è utilizzato per calcolare i pagamenti finali RHI. Chiaramente, su questa base, essendo in grado di massimizzare l'efficienza del processo di digestione anaerobica, utilizzando la minor quantità di energia per sostenere efficiente rilascio digestione e biogas, avrà un grande impatto sulla generazione di energia netta, e quindi i pagamenti ricevuti.

Dunque, quali sono alcuni dei fattori chiave che possono influenzare questa efficienza?

L'efficienza termica complessiva del trasferimento di calore richiesta per supportare il processo di digestione anaerobica è un fattore critico nella progettazione e nel funzionamento efficiente dell'impianto di AD. Le considerazioni tecniche chiave che riguardano questo aspetto, in termini di conduttività termica effettiva e quindi efficienza operativa, includono principalmente i materiali utilizzati nella progettazione dei serbatoi e la quantità di superficie attraverso cui avviene il trasferimento di calore.

Per i serbatoi AD questi sono acciaio, cemento e vetro. In termini di questi materiali, gli acciai sono di gran lunga i più efficienti per la conduttività termica. A titolo di confronto, la conduttività termica dell'acciaio inossidabile (~ 16 W / mK) è considerevolmente più alta rispetto al vetro (~ 0.8 W / mK) o al calcestruzzo (~ 1.5 W / mK), entrambi tradizionalmente utilizzati nel Regno Unito. progettazione di impianti. Allo stesso modo, il trasferimento di calore sarà sia più consistente che più efficiente attraverso un'ampia superficie rispetto a una piccola. Quindi, in termini di ottimizzazione della progettazione di impianti AD, possiamo vedere che il trasferimento del calore al processo di digestione attraverso grandi pareti del serbatoio in acciaio inossidabile è notevolmente più efficiente che attraverso piccoli tubi di riscaldamento interni, sezioni di cemento o pannelli di metallo rivestiti di vetro.

Lipp AD plants utilise a unique design involving spiral form tanks that give a rapid build time and very importantly, as we have seen, smooth stainless steel inner walls with an integrated external heating system – the walls being made from Lipp’s own stainless steel composite, Verinox ™. These carefully considered design features are integral to creating one of the most globally successful and thermally efficient AD systems available.

Martin Grant, Lipp’s UK Marketing and Sales Manager commented, “Lipp has installed several thousand AD systems in 80 different countries. With this wealth of experience we are very well equipped to deal with the future renewable energy challenges in the UK market, which this year has just celebrated the building of its 400th AD plant.”

Process Industry Informer

Notizie correlate

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati dei tuoi commenti.