← Torna alla categoria Caldaie e sistemi di riscaldamento

La diagnosi dei problemi con sistemi di trasferimento di calore e fluidi termici

I fluidi termici sono utilizzati in una varietà di settori, tra cui la produzione di prodotti farmaceutici, cosmetici, prodotti tessili, petrolchimici e alimentari. Se si può dire che una pompa è il cuore dell'industria e un sistema di controllo del cervello, allora potremmo dire che i fluidi termici sono il sistema circolatorio del settore. Qui, Clive Jones, amministratore delegato di Global Heat Transfer descrive le best practice e i primi avvertimenti che possono aiutare a diagnosticare problemi con i sistemi di trasferimento di calore e fluidi termici.

Un problema tipico
Una società di produzione ha recentemente chiesto di trasferimento di calore globale per condurre alcuni test e analizzare il loro fluido termovettore. Anche se il liquido era appena stato cambiato, il sistema si comportava in modo anomalo e il team operativo non riusciva a capire dove la colpa era. portate ridotte e un elevato contenuto di fanghi sono stati i principali problemi che si verificano più volte.

Anche se sembrava che tutte le procedure di manutenzione sono state seguite in modo appropriato, in soli sei mesi il sistema decaduto così male che i fanghi doveva essere rimosso manualmente due volte a settimana.

Questo significa che, dopo i fanghi stata tolta i filtri, il sistema 4000 litro doveva essere riempito con 400 litri di fluido termovettore fresco. A seconda del tipo e volume richiesto, trasferimento di calore fluido sostituzioni possono diventare un onere finanziario importante sui bilanci manutenzione.

Analisi di laboratorio
Un campione del fluido è stata presa e testato utilizzando un laboratorio indipendente. L'analisi di trasferimento di calore globale dei risultati ha rivelato anormalmente elevate quantità di residui carboniosi. Un sistema normale dovrebbe avere solo 0.02 per cento residuo di carbonio, mentre il campione è superiore al 3.4 per cento.

Pericolosamente, la temperatura punto di infiammabilità è a partire da 146 gradi Celsius, che è vicino al limite condannabile 100 grado Celsius di molti fluidi termici. In condizioni ideali, il sistema deve essere in grado di sopportare focolai alto come 260 gradi Celsius.

Carbon - il grande autore del reato
Elevate quantità di carbonio in un sistema di trasferimento di calore può portare a formazione di incrostazioni. Ciò significa che, nel tempo, i depositi carboniosi cuocere all'interno tubazioni. In questa fase, le attività di manutenzione sono relativamente facili da condurre, come il carbonio è ancora morbido e può essere lavata utilizzando prodotti di pulizia termici, come la Globaltherm C1 pulizia e fluido di lavaggio. Idealmente, l'azione dovrebbe essere presa quando il livello residuo di carbonio è da qualche parte tra 0.75 e 1.00 per cento del peso totale di liquidi.

Nello stabilimento di produzione in questione, i depositi di carbonio sono stati tre volte e mezzo superiore a questo livello. In tali situazioni, il carbonio è già indurito e non può essere facilmente lavata. residui carboniosi fungono da isolante e quindi l'intero sistema perde significativamente l'efficienza termica e più energia è necessaria per scaldarla.

La soluzione
In questi casi più gravi in ​​cui il carbonio è indurito o cotto al sistema, una semplice procedura di lavaggio non è sufficiente. È necessario un tipo più aggressivo di detergente e una volta che il lavaggio è completato, un secondo risciacquo sicurezza deve avvenire. Questo per garantire che non vi siano prodotti di pulizia rimanenti che possono poi reagire con il fluido termovettore vergine.

Qualsiasi impianto che utilizza fluidi per il trasferimento di calore può ridurre i costi con un piano di manutenzione robusto, come Thermocare di Global Heat Transfer. Tali piani di manutenzione promuovono un approccio proattivo che potrebbe far risparmiare ai produttori un enorme 75 per cento sui costi di manutenzione e energia per un periodo di cinque anni, molto più efficace della rimozione manuale dei fanghi due volte a settimana.

Process Industry Informer

Notizie correlate

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo e-mail non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati dei tuoi commenti.