Sono aziende di processo Pronto per ridurre i costi d'acqua?

Con meno di 12 mesi per andare prima di un ulteriore deregolamentazione del mercato dell'acqua entrerà in vigore in Inghilterra, le aziende di processo devono essere pronti a cogliere l'opportunità di ridurre i costi, spiega Nick Simpson, Direttore Marketing e Comunicazione di SUEZ trattamento Solutions UK.

A partire da aprile 2017 mercato dell'acqua per l'Inghilterra seguirà il modello già in funzione in Scozia, e consentirà alle aziende (utenti di acqua non domestici) di tutte le dimensioni di scegliere il proprio fornitore di servizi idrici. Questo è più o meno allo stesso modo in cui le aziende hanno in questi ultimi anni stato in grado di guardarsi intorno per la migliore offerta di energia provenienti da diversi fornitori.

In linea di principio, questo offre notevoli opportunità per le aziende attraverso i settori di processo per ridurre i loro costi di acqua, eliminare le inefficienze, ridurre la complessità di approvvigionamento in più siti ed esplorare modi di ridurre i consumi. applicazioni di processo, dal petrolio e dal gas per la produzione alimentare, utilizzano notevoli volumi di acqua, in modo che qualsiasi potenziale risparmio di costi saranno i benvenuti, così come l'opportunità di esplorare altri modi per ridurre il consumo globale per rispettare gli obiettivi di sostenibilità. Due esempi mettono in evidenza questo punto: sito petrolchimico più grande della Scozia a Grangemouth consuma circa 50 milioni di litri di acqua al giorno - più di tutta la città di Edimburgo, mentre 1,400 o giù di lì del Regno Unito birrifici utilizzano in genere tra il 60 e 300 litri di acqua per preparare una sola pinta di birra.

SUEZ Ingegneri

L'aumento della concorrenza

Concorso per i servizi idrici è stato introdotto in Inghilterra nel 2003, quando ad alto volume commerciale (vale a dire non domestici) i clienti che utilizzano più di 50,000 m3 (50 megalitri) di acqua per anno sono stati in grado di scegliere i propri fornitori. Questo programma di licenza di approvvigionamento idrico è stato, tuttavia, portata limitata e non ha introdotto incentivi finanziari realistici o una struttura di mercato adatto per creare una vera concorrenza.

Anche se la soglia in Inghilterra è stato successivamente ridotto a 5,000 m3 (5 Megalitri) all'anno le stesse restrizioni di base hanno continuato ad applicare al mercato. In particolare, con 22 diversi fornitori di acqua regolamentati in tutto il paese, questioni quali la fatturazione non standardizzata, tariffe complesse, bassi livelli di soddisfazione del cliente e costi elevati per le imprese nei rapporti con le transazioni su più siti, sono diventati comuni.

In Scozia, la situazione è diversa. deregolamentazione del mercato acqua è in vigore dal 2008. Di conseguenza, si stima che vi è stato un risparmio di efficienza del valore di oltre £ 43 milioni, con i clienti un risparmio di circa 20 miliardi di litri di acqua e circa 50% delle imprese che prendono la possibilità di rinegoziare gli accordi per i loro servizi idrici e fognari.

La struttura del mercato scozzese è relativamente semplice, con 130,000 clienti non civili del paese in grado di scegliere tra 16 diversi fornitori o prestatori di Licenza. Ognuno di questi servizi idrici e fognari acquisti a prezzi all'ingrosso dalla Scottish Water, che è responsabile per il mantenimento della infrastruttura idrica pubblicamente di proprietà (tubi, rete e impianti di trattamento). L'autorità concedente è la Commissione Industria Acqua per la Scozia, con un corpo separato, l'Agenzia Centrale di Marketing, responsabile per il trasferimento di informazioni sui clienti tra i rivenditori e per il calcolo delle transazioni all'ingrosso tra rivenditori e Scottish Water.

Il consenso generale è che la deregolamentazione del mercato dell'acqua in Scozia ha avuto successo. Di conseguenza, e sulla base di questa esperienza, il governo in Inghilterra ora propone di eliminare la soglia di consumo per tutti i locali non domestici in Inghilterra in 2017.

Il primo passo verso questo obiettivo è stata l'introduzione della legge sulle acque, che è passato in legge nel 2014. La presente legge ha lo scopo di permettere a tutti i clienti business, più del settore pubblico, organizzazioni di beneficenza e non-profit in Inghilterra, per scegliere il proprio fornitore di servizi idrici e fognari, indipendentemente da dove si trovano nel paese.

L'obiettivo è quello di rendere possibile per le imprese di negoziare il pacchetto di servizi che risponda alle loro esigenze, in termini di prezzo, efficienza, servizio clienti e supporto. La legge rende anche più facile per le aziende idriche di vendere e di acqua di alimentazione a vicenda e permette alle aziende idriche o fognarie in carica, con il consenso del segretario di Stato, per ritirare dal mercato - il cosiddetto 'uscita di vendita al dettaglio'. Inoltre, la legge consente ai proprietari di impianti di stoccaggio di acqua su piccola scala per vendere acqua in eccesso alla rete di distribuzione pubblica.

Il modello di mercato organizzativo sarà simile a quello sperimentato in Scozia, con i grossisti vendere l'acqua ai rivenditori autorizzati, i quali a loro volta di fornitura ai clienti non domestici con i servizi di vendita al dettaglio, la fatturazione, lettura dei contatori e le informazioni operative. Grossisti possono anche fornire servizi operativi diretti ai loro clienti commerciali, mentre un operatore di mercato centralizzato gestisce il flusso di clienti e dati transazionali tra i grossisti e dettaglianti autorizzati.

Con circa un milione di imprese ammissibili, il mercato inglese è di circa otto volte più grande di quello in Scozia. In Galles, invece, la soglia attuale di megalitri 50 rimarrà in vigore in quanto il governo gallese non ha intenzione di adottare un programma simile di deregolamentazione del mercato dell'acqua.

In 2014, un programma di consultazione e di pianificazione è stato messo in atto per sviluppare e testare le appropriate strutture di controllo dei prezzi, sistemi e protocolli informatici per assicurare una data go-live di successo nel secondo trimestre del 2017. Una parte fondamentale del processo è stato trovare il modo di centralizzare e amalgamare più set di dati, contenente cliente e record di fornitura di tutte le aziende di acqua corrente, molti dei quali utilizzano sistemi legacy dissimili. Questo lavoro è gestito nell'ambito del programma Open Water, che è stato istituito dal governo, che riunisce le competenze da una varietà di partecipanti al mercato chiave, tra cui Defra, Ofwat, Mercato Operator Services Ltd (Mosl) e altre parti interessate.

Materiali SUEZ acqua

Riduzione dei costi e complessità?

In linea di principio, deregolamentazione potrebbe aiutare le aziende a ridurre i costi di processo acqua. In realtà, la situazione è destinata a diventare più complesse prima che le sue prestazioni destinate sono realizzati, con il rischio che molte aziende verranno temporaneamente deviate dalle loro attività di base come l'avvicinarsi della scadenza 2017.

In termini semplici, la deregolamentazione dovrebbe consentire alle imprese di ridurre i costi dei servizi idrici e fognari, sia attraverso la rinegoziazione con un fornitore esistente o trasferendo ad uno nuovo. In pratica, ci saranno probabilmente alcuni problemi iniziali. Ad esempio, le aziende che operano da più siti di tutto in Inghilterra, e che fonte d'acqua da diversi fornitori di acqua locali, potrebbero verificarsi problemi. Vi è il rischio che le strutture dei prezzi in realtà diventano più complesse, piuttosto che più trasparente, che può rendere difficile per tutti i clienti di negoziare sconti vale la pena.

Un'altra preoccupazione, tuttavia, per le aziende di processo è che alcuni rivenditori d'acqua non possono comprendere le esigenze e le sfide dei requisiti di acqua per i grandi siti industriali, e quindi non possono essere in grado di fornire la consulenza o il supporto più appropriato. E 'anche vero che, per alcune aziende, la gestione delle acque e delle acque reflue, non è stato storicamente una priorità, in modo che il know-how necessario per raggiungere le maggiori efficienze, in termini di costi per acqua di fonte, l'utilizzo di acqua di processo e risparmio, e il trattamento delle acque reflue , riciclaggio e smaltimento, non possono esistere all'interno di ogni organizzazione. Di conseguenza, la preparazione per la scadenza 2017, negoziare la migliore offerta e gestione di questo su una base in corso potrebbe aggiungere ai costi operativi complessivi.

Tuttavia, per sfruttare i cambiamenti nel mercato dell'acqua, aziende di processo in Inghilterra devono sviluppare strategie efficaci per la gestione dell'acqua e delle acque reflue. Per molte aziende, il prezzo può essere solo una parte del loro fabbisogno. Essi possono, ad esempio, inserire valore uguale o superiore a fattori quali la fatturazione unica per più siti, monitoraggio del flusso, la sicurezza dell'approvvigionamento, una maggiore efficienza idrica, servizio clienti o di igiene acqua migliorate o riduzione del carbonio.

Una possibilità è quella di considerare l'outsourcing la responsabilità per l'acqua e trattamento delle acque reflue, compresi i negoziati di costo e di contratto, per i fornitori specializzati, come ad esempio SUEZ trattamento Solutions UK. Per molti aspetti, questo tipo di esternalizzazione non è diversa da quella di molti altri servizi non-core business quali l'immagazzinamento, IT o il libro paga e porta vantaggi simili - consentendo alla società di concentrarsi sul proprio business processo di base offrendo allo stesso tempo un risparmio sui costi, la riduzione del rischio , una maggiore efficienza e, in definitiva, un ritorno sulla linea di fondo.

Qualunque sia l'approccio è preso, l'ulteriore deregolamentazione del mercato dell'acqua in Inghilterra offre reali potenzialità per le aziende nei settori di processo. Tuttavia, la data introduzione di aprile 2017 si profila veloce, rendendo i prossimi mesi il momento ideale sia per una revisione strategica delle proprie esigenze idriche e il successivo sviluppo di un acqua a lungo termine e l'ottimizzazione delle acque reflue e il piano di efficienza.

Process Industry Informer

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo e-mail non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati dei tuoi commenti.