← Torna a Enviro Monitoring, Recycling & Wastewater category

Nuove ricerche sostengono importanti riduzioni dei costi e dell'impronta di carbonio per i sistemi di trattamento delle acque reflue confezionati Saf

  • Maggiore risparmio energetico e di costo sul processo di trattamento delle acque di scarico
  • Il tasso di rimozione dei contaminanti organici è notevolmente migliorato
  • Direttore tecnico WPL Andrew Baird per condividere la ricerca alla conferenza

La raffinazione dell'idrodinamica di un sistema di trattamento delle acque reflue con filtro aerato sommerso (SAF) può comportare importanti riduzioni dei costi e dell'impronta di carbonio, secondo le ricerche condotte da Andrew Baird, direttore tecnico dello specialista del trattamento delle acque reflue WPL.

Baird condividerà le sue scoperte in una presentazione alla conferenza European Waste Water Management (EWWM), che si terrà a Leeds su 3-4 October 2017.
La ricerca è stata eseguita internamente su un banco di prova, nei laboratori WPL e attraverso prove sul campo con le utility del Regno Unito.

I risultati si basano su una precedente ricerca sponsorizzata da WPL che ha esaminato i tassi di riempimento ottimali per i bioreattori come parte di un progetto MSc presso la Cranfield University. L'ultimo progetto pilota di progettazione ingegneristica ha identificato con successo come il flusso attraverso un SAF può essere osservato e misurato con precisione con diversi tassi di riempimento dei media.

I risultati hanno fornito al WPL tassi di riempimento ottimali per il bioreattore, consentendo l'ottimizzazione in termini di impronta del sito e riduzione di energia. Si è constatato che il supporto WF SAF si muoveva lentamente mentre l'idrodinamica interna creava un flusso significativo sui media, favorendo tempi di contatto più elevati.

Andrew Baird ha detto, "La configurazione del processo di trattamento e dell'idraulica negli impianti di trattamento delle acque reflue in imballaggi è stata inesplorata e, come dimostra la nostra ricerca, era matura per l'ottimizzazione. Quando si considerano i costi delle apparecchiature per l'intera vita, ci sono diversi modi in cui i sistemi di trattamento delle acque reflue possono essere resi più efficienti.

"Soprattutto, richiedono l'elettricità, quindi una maggiore efficienza in tutto il processo può ridurre l'impatto energetico e i costi. Con questo in mente, abbiamo cercato un nuovo media con un peso specifico inferiore e riconfigurando i setti per segmentare completamente la biozone, abbiamo eliminato con successo il rischio di scorciatoie di processo e zone morte ".

La ricerca e lo sviluppo della tecnologia SAF intrapresa da WPL è culminata nel WPL SmartCellTM, che è un modulo compatto con impianto idraulico controcorrente per assicurare un flusso costante sul supporto ottimizzato. Con una percentuale di riempimento 90%, la SmartCell ha un vuoto aperto sufficiente per evitare incrostazioni o legarsi ai fanghi quando applicato nel trattamento secondario.

Installazione efficiente

SmartCell è il cuore di WPL Hybrid-SAF ™, che incorpora la costruzione e la modularizzazione off-site per favorire l'efficienza di installazione e messa in servizio, nonché un maggiore processo ed efficienza energetica. Il modello di processo ibrido, che è in attesa di brevetto, è stato applicato in quasi tutti i servizi idrici di 10 UK e grandi progetti commerciali per la nitrificazione carbonica e terziaria.

"L'industria sta imparando rapidamente che l'efficienza del processo, la costruzione fuori sede, l'installazione più rapida e il mantenimento più facile del trattamento pacchettizzato offrono tutti un significativo margine per una maggiore competitività", ha detto Baird. "Non vedo l'ora di condividere i nostri apprendimenti con i delegati di EWWM."

Process Industry Informer

Notizie correlate

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo e-mail non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati dei tuoi commenti.