← Torna alla categoria Energy & Power Management

Protezione delle infrastrutture energetiche critiche

A gennaio 2013, l'industria energetica ha subito uno degli attacchi più mortali degli ultimi anni, l'assalto al complesso di gas algerino di Tiguentourine che ha causato la morte di 40 e interrotto in modo significativo le attività del complesso. Questo incidente ha evidenziato la crescente minaccia e la necessità di proteggere le infrastrutture energetiche critiche dalla minaccia del terrorismo.

Il forum 2015 di Pipeline Security presenterà un caso studio sull'attacco letale dei militanti al gasdotto algerino. La presentazione sarà guidata da Ayhan Gücüyener, del Caspian Strategy Institute (HASEN). In anteprima alla sua presentazione al Forum, ha offerto alcuni spunti e analisi molto interessanti di questo incidente.

IRN: Puoi parlarci un po 'di più del Caspian Strategy Institute (HASEN) e delle sue attività?

Ayhan Gücüyener: Caspian Strategy Institute (HASEN) è un think tank basato a Istanbul. La missione di HASEN è di produrre ricerche e dati autentici nella più ampia regione del Caspio in materia di energia, affari internazionali, logistica, sicurezza, economia, istruzione, cultura e ambiente. HASEN organizza incontri internazionali, pubblicazioni e iniziative educative, stimolando il dibattito scientifico e la ricerca. Il programma di protezione delle infrastrutture critiche dell'Istituto di strategia di Caspian mira a offrire una prospettiva alternativa sulla sicurezza energetica, che sta diventando sempre più una preoccupazione pressante nella regione del Caspio, compresa la Turchia. La missione del programma è quella di fornire informazioni accurate ai responsabili delle decisioni nei settori pubblico e privato, ospitando regolarmente attività di formazione, workshop, seminari e report di pubblicazione.

IRN: Perché questo attacco è ancora un argomento così importante per i professionisti della sicurezza del petrolio e del gas?

Ayhan Gücüyener: L'attacco al complesso di gas algerino di Tiguentourine, avvenuto nel mese di gennaio 2013, è stato uno dei più grandi assalti che il settore energetico abbia vissuto negli ultimi anni. Questo attacco ha causato un'enorme perdita umanitaria ed economica: le persone innocenti di 40 dei paesi 10 hanno perso la vita e le attività del complesso sono state significativamente interrotte. Anche se non sapremo mai se questo attacco potrebbe essere stato prevenuto o meno, rimane una domanda cruciale a cui l'industria energetica dovrebbe rispondere: "Cosa può imparare l'industria da quell'attacco per migliorare la sua sicurezza e la preparazione alle emergenze per il futuro? La mia analisi dell'attacco al gas di Tiguentourine offrirà "lezioni apprese e migliori pratiche" che i professionisti del settore energetico dovrebbero assolutamente prendere in considerazione.

IRN: Cosa dovremmo considerare per anticipare una nuova "ondata" di potenziali attacchi alle infrastrutture di pipeline?

Ayhan Gücüyener: Le statistiche scientifiche dimostrano che le infrastrutture energetiche critiche sono state un obiettivo allettante per i gruppi terroristici e questo legame tra energia e terrore è in crescita. Il database degli attacchi delle infrastrutture energetiche mostra che nell'ultimo decennio ci sono stati quasi degli attacchi 400 all'anno portati da attori non statali, mentre quella cifra era inferiore a 200 prima di 1999. In tale contesto, dovremmo prendere in considerazione un approccio di "sicurezza" più completo per l'industria energetica. Questa immagine mostra che la protezione delle infrastrutture energetiche critiche sta diventando una preoccupazione crescente per l'industria e la cooperazione internazionale è ora cruciale. Il Pipeline Security Forum ci fornirà una piattaforma unica per condividere i nostri problemi di sicurezza e le migliori pratiche al fine di proteggere queste risorse estremamente vulnerabili.

I relatori includeranno anche rappresentanti senior di: Ministero dell'Energia e Risorse Naturali della Turchia, sottosegretariato turco per le industrie della difesa, TANAP, GE Oil & Gas, società dell'Africa occidentale del gasdotto, ConocoPhillips, Petrochina, ABB, Joint Venture In Salah Gas, Pico International Petrolio, NEPAL Oil & Gas, GAIL, BP e Sonatrach, tra gli altri.

Process Industry Informer

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati dei tuoi commenti.