← Torna alla categoria Energy & Power Management

In che modo le piante di trasformazione possono trarre vantaggio dall'ottimizzazione del recupero del calore residuo

Data la necessità di ridurre le emissioni di carbonio, proteggere il nostro ambiente e ridurre il consumo di combustibili fossili, il recupero del calore residuo è sempre più importante. Ci sono vari modi in cui questo può essere fatto a seconda dei processi che vengono intrapresi che si traducono in calore di scarto, le applicazioni che il calore di scarto catturato sta per essere utilizzato e le dimensioni e la posizione della pianta.

Green's Economisers & Waste Heat RecoveryMatthew Crewe

Green's Economisers & Waste Heat Recovery Matthew Crewe

Negli impianti di trasformazione, un sistema di recupero del calore di scarto solitamente include economizzatore / i e / o una caldaia a calore residuo.

Un'unità economizzatore è tipicamente installata sul sistema di scarico da una caldaia a vapore e acqua calda per ridurre la temperatura dei fumi e aumentare l'efficienza termica.

Questo sarà formato da una configurazione di tubo appropriata che verrà determinata tenendo conto del tipo di combustibile che viene bruciato, delle temperature che vengono maneggiate, delle pressioni e dello spazio disponibile.

Una caldaia a calore residuo recupera il calore dai flussi di gas caldi, che hanno ancora un contenuto energetico relativamente elevato che altrimenti salirà nel camino e fuori nell'atmosfera.

Catturare l'energia di scarico dai motori diesel o gas riducendo la temperatura dei gas di scarico, ad esempio da 400 ° C a 180 ° C, consente agli impianti di lavorazione di massimizzare l'utilizzo di energia e aumentare l'efficienza produttiva.

Per un progetto di investimento di capitale a recupero di calore, i gestori degli impianti dovrebbero considerare i seguenti fattori per il ritorno dell'investimento (ROI):

  • Energia dispersa disponibile nel sistema di gas di scarico
  • Costi di produzione e installazione dell'unità di recupero del calore
  • Spazio fisico disponibile nell'impianto per l'unità di recupero del calore
  • Risparmio di efficienza basato sulle ore di esercizio dell'impianto
  • Risparmio sui costi del carburante grazie all'aumento dell'efficienza degli impianti
  • Riduzione del carbonio e delle emissioni nocive
Componenti pronti per il montaggio dell'HB / Recupero del calore dei rifiuti

Applicazioni comuni per il riutilizzo del calore di scarto che è stato recuperato:

  • preriscaldamento dell'aria di combustione per caldaie, forni e forni
  • preriscaldare l'aria fresca utilizzata per ventilare l'edificio
  • generazione di acqua calda compresa l'acqua di alimentazione della caldaia di pre-riscaldamento
  • generazione diretta di vapore per processo o generazione di energia
  • riscaldamento degli ambienti
  • essiccazione
  • altro riscaldamento o preriscaldamento per processi industriali

Tuttavia, prima che un sistema di recupero del calore di scarto possa essere progettato per un impianto di lavorazione per ottenere questi benefici, i manager devono fornire al fornitore le informazioni che aiuteranno a informare un sistema efficace.

Ciò include il tipo di carburante che verrà utilizzato e i dati relativi al gas di combustione, compresi la portata, la composizione e la temperatura di ingresso. Ovviamente è essenziale sapere dove si troverà il sistema e lo spazio disponibile che verrà utilizzato per determinare i migliori materiali e le disposizioni dei tubi.

Utilizzando queste informazioni, il fornitore lavorerà sulla progettazione termica ottimale che includerà le uscite come il miglior fluido di lavoro, ad esempio acqua, vapore saturo, vapore surriscaldato o olio termico, portata, servizio termico, caduta di pressione sull'acqua, caduta di pressione lato gas, funzionamento temperatura di uscita del fluido e pressione di esercizio.

Tutte queste informazioni verranno quindi utilizzate per formulare i calcoli delle parti di pressione e sviluppare la progettazione meccanica e strutturale che specifica fattori quali il peso, la larghezza e la lunghezza del sistema e, in alcuni casi, i calcoli sismici e i calcoli del carico del vento.

Riparazioni in loco / recupero di calore dei rifiuti

L'uso di sistemi negli impianti di trasformazione comporta sfide particolari per i loro sistemi di recupero del calore residuo. Ad esempio, se la pianta ha un'atmosfera polverosa, ciò influenzerà i tipi di tubi utilizzati e le pinne utilizzate.

Generalmente, le alette devono avere spazi tra loro relativamente grandi, che è noto come una specifica di passo ampio. Devono inoltre avere una superficie di trasferimento del calore quanto più alta possibile, rendendo le provette con pinna a H una soluzione frequentemente specificata.

I responsabili degli impianti di lavorazione dovrebbero inoltre garantire che il fornitore prescelto abbia l'esperienza richiesta, esperienza e accreditamento del settore per essere in grado di progettare e realizzare un sistema che soddisfi tutte le esigenze normative e assicurative.

Questo può essere ottenuto solo da aziende che hanno processi di valutazione tecnici e di qualità rigorosi e che è meglio controllare visitando le loro strutture per vedere cosa offrono in prima persona.

Avendo investito in un sistema di recupero del calore residuo con l'obiettivo di rendere più efficiente l'uso di energia e ridurre i costi, si consiglia vivamente di avviare un programma di manutenzione programmato per garantire che la sua durata sia estesa il più possibile e che le interruzioni non pianificate siano ridotte al minimo.

L'ambiente in cui operano le apparecchiature, la qualità variabile dell'acqua di alimentazione e i modelli operativi rigorosi possono comportare, nel tempo, una riduzione dell'efficienza o addirittura un guasto totale della macchina.

Recupero di calore

Per evitare ciò, è fondamentale affidare a un servizio di ispezione proattivo l'identificazione di potenziali problemi con le apparecchiature per il recupero del calore residuo, in modo che possano essere affrontati al fine di mantenere l'efficienza ottimale e prima che diventino inutilmente costosi o comportino tempi di fermo evitabili.

Questo di solito include l'esame delle superfici interne dell'economizzatore e della caldaia a calore residuo durante le interruzioni pianificate per garantire che non si verifichino problemi di erosione e di erosione e che le apparecchiature per la pulizia online, come i soffiatori di fuliggine, funzionino correttamente.

In genere, una relazione completa verrà inviata al cliente dopo il lavoro di esame, indicando le condizioni delle superfici esaminate e registrando le misure correttive necessarie in modo che possa essere messo a punto un piano che mantenga questi strumenti vitali funzionanti in modo efficiente.

Process Industry Informer

Notizie correlate

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati dei tuoi commenti.