← Torna alla categoria Misura e strumentazione

Buone vibrazioni: come le tecniche di misurazione di Coriolis mantengono lo scotch nel whisky

Quando si tratta della produzione di whisky scozzese, la misurazione accurata è tutto. Norme rigorose in merito alla tassazione degli alcolici, oltre alla necessità aggiuntiva di garantire una gradazione alcolica minima per qualificarsi come Scotch ufficiale, rendono essenziale per i produttori di whisky assicurarsi che i livelli di alcol nelle loro bevande siano attentamente misurati.

I produttori di whisky di oggi devono aderire alle rigide normative che sono state implementate su 100 anni fa. In 1916, il cancelliere dello Scacchiere, l'astemio David Lloyd George, è stato incaricato di raccogliere fondi per lo sforzo bellico e tentare di limitare il consumo di alcol.

Dopo molte proteste da parte dell'industria del whisky, è stato raggiunto un compromesso che ha convenuto che sarebbe stata implementata una forza standardizzata di 42.9 percentuale di alcol in volume (ABV). Più tardi in 1917, quando Lloyd George divenne Primo Ministro, fu concordato un tenore alcolico minimo legale fissato a 40 percent ABV. Questo limite è valido ancora oggi ed è richiesto per qualsiasi spirito di essere considerato legalmente whisky scozzese.

I requisiti per la misurazione del contenuto alcolico degli alcolici, incluso lo Scotch whisky, sono stabiliti nell'Accisa Avviso 39: produzione di alcolici nel Regno Unito. La comunicazione espone varie procedure che devono essere seguite, compreso l'obbligo per i produttori di presentare rendite trimestrali di produzione che stabiliscano sia la quantità di ingredienti utilizzati sia la quantità di alcolici prodotti. Questi ritorni devono essere accurati, con eventuali scostamenti o errori che possono potenzialmente attirare sanzioni finanziarie.

Un altro requisito fondamentale è la necessità di misurare la gradazione alcolica del whisky stesso. Regolamento 18 delle normative sugli alcolici 1991 richiede una misurazione precisa e accurata della densità del whisky durante la distillazione, con misure eseguite ad una temperatura esattamente di 20 ° C.

Misura scotch whisky di Coriolis

Ulteriori requisiti sono imposti dalle normative Scotch Whiskey 2009. In base a questi regolamenti, affinché uno spirito si chiami Scotch whisky, deve essere maturato in botti di rovere di capacità non superiore a 700 litri per un periodo non inferiore a tre anni. Queste botti, che non possono lasciare la Scozia, devono essere situate in un deposito di accise o in altro luogo consentito, con il whisky che viene poi trasferito al termine del processo di maturazione.

Durante il periodo di maturazione, che può variare fino a 15 anni o più a seconda del prodotto, il whisky deve essere mantenuto ad un valore inferiore a 94.8 percent ABV, che mantiene il contenuto di alcol ma garantisce anche che il whisky abbia il gusto e l'aroma corretti derivati ​​dalla sua materia prima materiali.

I requisiti sono altrettanto rigidi quando si tratta del trasferimento del whisky da un luogo all'altro. Avviso di accisa 197: ad esempio, l'entrata e la rimozione da un deposito di accisa di prodotti soggetti ad accisa rendono gravose le accise sugli alcolici non appena vengono tolti dal deposito del magazzino. Analogamente a quanto avviene durante la produzione, è necessaria un'attenta misurazione delle quantità di whisky trasferite per ridurre al minimo il rischio di eventuali errori che potrebbero aumentare l'importo del dazio prelevato.

Fare la differenza tra Scotch e non

In termini di base, il livello di whisky alcolico in volume (ABV) è definito come il numero di millilitri (ml) di alcool puro presente in 100ml del whiskey a 20 ° C. Per ricavare questa cifra, la massa dell'alcol deve essere divisa per la sua densità a 20 ° C.

I severi requisiti per ciò che può essere ufficialmente definito whisky scozzese richiedono che i livelli di ABV siano attentamente misurati e controllati. Se il whisky viene distillato a un livello superiore al 94.8 percento, ad esempio, sarà considerato dalla legge neutro, poiché lo scotch deve essere prodotto con il giusto gusto e aroma. Allo stesso modo, dopo la distillazione e durante il processo di rivestimento, la concentrazione di alcol deve essere al punto di 63.5 percentuale di ABV per garantire che il gusto e la qualità del whisky siano di altissimo livello.

La capacità di misurare accuratamente l'ABV di whisky durante il processo di distillazione è particolarmente importante quando si tratta di stimare le accise sul whisky. Poiché si basa sui litri di alcol contenuti nel prodotto finale, è importante assicurarsi che la misurazione sia corretta, in particolare poiché eventuali discrepanze possono comportare l'imposizione di dazi addizionali.

Capace di misurare i flussi di massa e di volume e la densità, i misuratori di portata Coriolis rappresentano la soluzione ideale sia per la distillazione del whiskey che per il trasferimento della custodia.

I flussometri di Coriolis funzionano oscillando a rotazione il fluido, che produce forze di coriolis equivalenti. I design dei tubi sono a forma di U, a forma di S o diritti.

Nei modelli di tubi a forma di U o a forma di S, il fluido si sposta da e verso l'asse di oscillazione, determinando un momento angolare variabile del fluido. Quando il tubo oscilla, la massa fluida che fluisce nel tubo resisterà al suo crescente momento angolare e spingerà verso il basso contro il tubo.

Quando il fluido si sposta indietro verso l'asse, resiste al suo momento angolare decrescente, spingendo verso l'alto sul tubo. Queste forze opposte dipendono dalla massa del fluido. Essi deformano il tubo con un'azione di torsione.

Le due forze opposte ruotano prima il tubo in un modo, poi l'altro, con ogni ciclo di oscillazione. Le uscite della forma d'onda dai sensori di pick-up sono onde sinusoidali, che riflettono la frequenza di oscillazione. Misurare l'entità di questa deformazione consente di calcolare la portata di massa.

Con la portata zero, le due onde sinusoidali dei pick-up sono in fase l'una con l'altra poiché il momento angolare del fluido è costante e non si verifica torsione. Man mano che il flusso aumenta, aumenta anche la differenza di fase tra le due onde sinusoidali.

Questa differenza di fase produce la misura della portata massica attraverso il misuratore di portata a effetto Coriolis. Maggiore è il flusso di massa, maggiore è la torsione e maggiore è la differenza di fase misurata.

Sensore integrato DN25 / Tecniche di misurazione di Coriolis

I progetti di tubi diritti funzionano in modo simile. Il tubo vibrante è fissato alle sue estremità, creando due telai di riferimento rotanti. Le rotazioni sui lati di ingresso e uscita sono in direzioni opposte, creando forze di Coriolis opposte che distorcono il tubo.

Nella maggior parte dei progetti, il tubo oscilla alla sua frequenza di risonanza, che dipende dalla geometria del tubo del misuratore, dalle caratteristiche dei materiali del flussometro e dalla massa del fluido nel tubo del misuratore. Usando queste proprietà, è possibile calcolare la densità del fluido all'interno del tubo, rendendo i misuratori di portata a coriolis ideali per misurare la densità alcolica del whisky.

Il misuratore di portata include anche un sensore termico per tenere conto delle variazioni dimensionali ed elastiche del tubo con la temperatura del fluido, eliminando eventuali errori potenziali nella misurazione del flusso di massa.

Inoltre, poiché il principio di misurazione a coriolis è indipendente dalla densità del fluido, dalla temperatura, dalla viscosità, dalla pressione e dalla conduttività, è indipendente dal numero di Reynolds e dai profili di velocità del flusso a monte ea valle. Di conseguenza, i misuratori di portata a effetto Coriolis non richiedono tirature dirette di tubazioni su entrambi i lati, riducendo sia lo spazio di installazione che i costi.

Un vantaggio chiave dei misuratori a coriolis è la loro precisione. Le esecuzioni dei modelli di misuratori di portata CoriolisMaster di ABB, ad esempio, vanno da 0.1 a 0.4 per cento di lettura per liquidi e da 0.5 a 1 per cento di lettura per gas.

Tale precisione significa che i distillatori di whisky possono garantire che forniscano all'HMRC le misurazioni più accurate sia per la quantità sia per la densità del whisky prodotto, che può quindi essere utilizzato per calcolare il livello appropriato di imposta.

Il requisito di trasformare le misure di massa in flusso di volume per soddisfare i requisiti HMRC può anche essere soddisfatto dai misuratori di portata a effetto Coriolis. Strumenti come il CoriolisMaster di ABB, ad esempio, possono effettuare le conversioni e i calcoli necessari tramite il trasmettitore di flusso, con l'uscita trasmessa al sistema di controllo della distilleria.

Riepilogo: la soluzione perfetta per la produzione di whisky

Con controlli così severi sulla produzione e sulla tassazione dello Scotch whisky, la necessità di garantire misurazioni accurate durante le fasi di distillazione e trasferimento della custodia è di fondamentale importanza.

Nonostante i costi iniziali più elevati rispetto ad altre tecnologie di misuratori di portata, i vantaggi in termini di prestazioni e risparmio operativo dei misuratori di portata a effetto Coriolis consentono loro di ridurre i risparmi di acquisto a breve termine offerti da tecnologie meno costose.

Se accoppiati con la loro capacità di consentire un calcolo accurato delle accise, i misuratori di portata a coriolis offrono la soluzione perfetta per la produzione di whisky.

In combinazione con l'assicurazione di pagare i corretti livelli di accise, rende i misuratori di portata di Coriolis una scelta saggia per la produzione di whisky. ABB offre una gamma di misuratori a coriolis progettati per funzionare in una vasta gamma di processi e applicazioni.

Per saperne di più, visitate il sito www.abb.com/measurement.

Process Industry Informer

Notizie correlate

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati dei tuoi commenti.