← Torna a categoria IT, sistemi di gestione e software

La tecnologia dei grafi può rendere la catena di approvvigionamento adeguatamente trasparente?

La tecnologia dei grafici potrebbe essere cruciale per ottenere i dettagli necessari, afferma Emil Eifrem

Le filiere odierne sono vaste e di ampio respiro, il che le rende incredibilmente utili - dopo tutto sono il principale lubrificante del capitalismo globale.

Di Emil Eifrem, CEO di Neo4j

Emil Eifrem, CEO di Neo4j

Ma sono anche terreno fertile per vulnerabilità come frodi, contaminazioni, siti di produzione non sicuri e fonti di prodotti sconosciute. Questi sono tutti fattori che rendono la trasparenza più vitale e più complessa. Ad esempio, a soli sei anni dallo scandalo sulla contaminazione della carne di cavallo che ha sconvolto il Regno Unito, una recente indagine scoperto che uno scioccante su cinque prodotti a base di carne nei supermercati contiene ancora tagli più economici di diversi animali, contrariamente alla loro etichettatura ufficiale.

Ciò dimostra la necessità per i produttori di disporre di informazioni precise sui prodotti utilizzati per creare il prodotto finito, nonché su tutti i partecipanti alla catena di approvvigionamento. In effetti, la maggior parte dei marchi conosce solo i propri fornitori diretti, lasciandoli con scarsa visibilità nella rete più ampia dei loro partner principali.

Consideriamo l'industria farmaceutica profondamente regolata. In questo settore attentamente controllato, le aziende farmaceutiche devono essere in grado di identificare dove si trova qualsiasi singolo prodotto medicinale nella catena di fornitura nel caso in cui un problema di sicurezza o un richiamo sia segnalato. In tale scenario, è indispensabile che gli articoli possano essere rapidamente rimossi dal mercato per ridurre al minimo il rischio per i consumatori e il costo del ricorso.

I regolatori richiedono inoltre che i singoli prodotti medicinali siano chiaramente verificabili come autentici. A partire da febbraio di quest'anno, la Direttiva UE sui medicinali falsificati specifica che i medicinali devono essere dotati di un codice identificativo univoco del prodotto e che i produttori e i distributori devono dimostrare una contabilità dettagliata, mentre tutti i prodotti devono essere registrati tramite una banca dati centrale dei farmaci venduti nell'UE paesi.

Ci sono anche problemi sociali nella discussione sulla catena di approvvigionamento. Sempre di più, i consumatori desiderano beni prodotti eticamente: vogliono che i prodotti vengano acquistati e fabbricati in modo sostenibile e capiscano la loro provenienza in modo da poter fare scelte informate. La trasparenza della catena di approvvigionamento aiuta le aziende farmaceutiche a soddisfare i requisiti di responsabilità sociale delle imprese e, con una maggiore visibilità nelle loro catene di approvvigionamento, le aziende possono garantire che le loro pratiche rispettino i diritti degli animali negli scenari di sperimentazione di droga, ad esempio.

Come può essere d'aiuto un approccio incentrato sulle relazioni

Quindi la visibilità della catena di approvvigionamento è un problema. Come lo affrontiamo? Ciò che sembra essere richiesto qui è per i produttori e i proprietari di marchi di poter condividere informazioni dettagliate su tutti i prodotti, fornitori e strutture nel loro ecosistema comune. Inoltre, le aziende devono essere in grado di cercare tutti i prodotti interessati da specifiche materie prime o problemi di strutture, tra migliaia di prodotti senza problemi di prestazioni.

La sfida tecnica di raggiungere questi obiettivi può essere onerosa. Con centinaia di migliaia di linee di prodotti prodotte su più siti e vendute in centinaia di mercati, tenere traccia di ogni unità di magazzino supera l'ambito del modo standard in cui le aziende devono organizzare i dati, in particolare utilizzando sistemi di database relazionali - pensa Oracle o Microsoft SQL Server. Il solo numero di codici seriali univoci può ammontare a miliardi e i CIO necessitano di un modo altamente scalabile per gestire i grandi volumi di numeri seriali.

Il problema è che se i dati sono archiviati su una tecnologia di database basata su SQL, risulta impossibile una navigazione semplice e veloce attraverso tutti i dati al fine di riconoscere come una linea di produzione o particolari pallet e il loro contenuto siano impossibili. E con l'aumento della connettività e il passaggio all'Internet of Things, è improbabile che questa complessità diminuisca.

I database relazionali, che memorizzano informazioni (prodotto, pallet, sito di produzione, numero di serie, ecc.) In righe e colonne, sono scarsamente attrezzati per identificare le relazioni all'interno dei set di dati. Sono queste stesse connessioni, tuttavia, che sono essenziali per identificare la posizione di un prodotto specifico o per monitorare, analizzare e cercare la catena di approvvigionamento e condividere dati significativi su siti e prodotti di produzione.

Anche far funzionare i database tradizionali in tempo reale è problematico, con le prestazioni che soffrono con l'aumentare delle dimensioni del set di dati. La buona notizia è che un software chiamato tecnologia del database grafico sta emergendo come soluzione, grazie alla sua capacità di registrare interdipendenze di dati complessi. L'idea è che quando si traccia qualcosa, si crea una gerarchia o 'albero' di dati: se si scansiona il codice di un particolare pallet, ne richiamerà automaticamente il contenuto.

Grafico della catena di fornitura

I grafici offrono quindi un enorme vantaggio rispetto ai tradizionali database relazionali quando si tratta di mappare catene di fornitura complesse e interconnesse, mantenendo alte prestazioni anche con grandi volumi di dati. Invece di utilizzare le tabelle relazionali, i database dei grafi utilizzano meglio le strutture per analizzare le interconnessioni nei dati e adottano anche un formalismo notazionale strettamente allineato al modo in cui gli umani pensano delle informazioni. Una volta codificato il modello di dati, un database grafico è altamente efficiente nell'analisi delle relazioni tra un gran numero di punti dati.

Questo tipo di approccio incentrato sulle relazioni consente al produttore di gestire, leggere e visualizzare meglio i propri dati, offrendo loro un quadro realmente tracciabile e approfondito di tutti i prodotti, fornitori e strutture e le relazioni tra di loro. Utilizzando un database grafico, i produttori in genere possono dimostrare velocità di risposta alle query 100 volte più elevate di quelle abilitate dal software SQL RDBMS.

Come Chris Morrison, Amministratore delegato di uno dei nostri clienti grafici, Transparency-One, che combina prodotti di consumo e competenza della catena di fornitura con tecnologia all'avanguardia, note, “Abbiamo testato il grafico con dati fittizi per diverse migliaia di prodotti e non ci sono stati problemi di prestazioni. Per quanto riguarda i tempi di risposta alla ricerca, non abbiamo dovuto preoccuparci di adottare misure speciali, poiché abbiamo ottenuto risultati in pochi secondi, cosa che non saremmo stati in grado di calcolare senza questa soluzione. "

Questo tipo di tempo di risposta è fondamentale quando è necessario fornire risposte di secondo o di secondo secondo o identificare la posizione di un prodotto specifico. Sarà anche fondamentale per aiutarti a rispettare le più recenti normative globali sulla tracciabilità e per gestire in modo efficace quel richiamo del prodotto critico in termini di tempo e di reputazione.

Pertanto, la tecnologia dei database dei grafi è un ottimo strumento per qualsiasi produttore o stakeholder della catena di fornitura che deve affrontare adeguatamente catene di fornitura moderne, complesse, interconnesse e reali.

L'autore è CEO e co-fondatore di Neo4j, la principale società di database di grafi al mondo

Process Industry Informer

Notizie correlate

Lascia un Commento

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati dei tuoi commenti.

Condividi via