← Torna alla categoria Pompe

È ora di parlare alle scorie! Bene, il recupero del sale di alluminio, per essere precisi ...

trasferire residui liquidi abrasivi

RVA, una società con sede in Francia specializzata nel recupero di scorie saline, un sottoprodotto della fusione dell'alluminio, sta sfruttando i vantaggi di diverse pompe per tubi flessibili Bredel del Watson-Marlow Fluid Technology Group (WMFTG).

Un certo numero di pompe viene utilizzato per trasportare una sospensione di ossido abrasivo comprendente una miscela di liquido e solidi, che è anche ad alta temperatura. Tuttavia, grazie al principio di funzionamento superiore delle pompe per tubi flessibili Bredel, insieme al loro design robusto, l'affidabilità è garantita.

Nel processo di raffinazione dell'alluminio, i rottami vengono fusi in forni rotanti o riverberanti sotto un bagno di sale fuso che galleggia sulla superficie metallica. L'alluminio fuso e il suo coperchio del sale vengono quindi prelevati dalla superficie del tamburo rotante.

La miscela salina finale prelevata dal forno contiene metallo residuo di alluminio (circa 5%) e vari ossidi metallici, principalmente ossido di alluminio. Questa miscela si solidifica in padelle per diventare quella che viene definita "scoria di sale".

Rifiuti pericolosi

La scoria di sale è un rifiuto pericoloso che deve essere smaltito in condizioni controllate. Storicamente, in Europa, le scorie di sale di alluminio sono state collocate in discarica, ma una combinazione di norme ambientali più severe e costi di discarica elevati ha posto fine a questa pratica. Invece, le scorie vengono riciclate in impianti dedicati come quello gestito da RVA.

Il ricondizionamento è riconosciuto in tutta l'UE come la migliore opzione ambientale praticabile per le scorie saline. RVA, che si trova tra Reims e Metz, nel nord-est della Francia, utilizza la tecnologia di ritrattamento che converte le scorie da un flusso di rifiuti in una fonte di materie prime essenziali. L'impianto è l'unico del suo genere nel paese.

È importante sottolineare che l'operazione di riciclaggio delle scorie di RVA si basa su un processo a ciclo chiuso che richiede un minimo di risorse per l'ambiente: non ci sono rifiuti solidi; l'acqua utilizzata per il lavaggio è ricircolata; le emissioni gassose sono incenerite in residui innocui; e il gas di ammoniaca è neutralizzato da scrubber dedicati.

Un sistema di controllo computerizzato proprietario monitora il processo di produzione per garantire che le variabili chiave rimangano entro limiti predefiniti, mentre le uscite soddisfano specifiche rigorose.

Processo a quattro fasi

Il processo comprende quattro fasi, due delle quali utilizzano pompe per tubi flessibili Bredel nel trasferimento di fluidi abrasivi. In primo luogo, le scorie saline vengono fresate con ricircolo opzionale per liberare l'alluminio utilizzando un separatore a correnti parassite e il ferro tramite un magnete. Il particolato fine proveniente dalla pianta del mulino viene quindi rimosso da un dispositivo anti-detersivo.

Successivamente, il restante materiale salato viene introdotto in una sezione di dissoluzione dove viene miscelato con acqua (recuperato successivamente nel processo). Questa acqua salata viene trasferita da due pompe ad alto flusso Bredel 100 in recipienti di reazione pressurizzati, prima che le pompe Bredel 65 e 40 trasferiscano l'ossido di alluminio come impasto ai reattori.

Questo ossido di alluminio è molto abrasivo e, a questo stadio, ad alta temperatura. Vengono prodotti reagenti gassosi, inclusi idrogeno, metano e ammoniaca, che vengono inceneriti e scaricati dalla pila. L'energia derivante dagli scarichi gassosi viene recuperata per l'uso in altre parti del processo.

In terzo luogo, il residuo della fase di reazione viene convogliato verso un filtro a cinghia. Qui, la salamoia e l'acqua vengono pompate sottovuoto utilizzando un Bredel 80, lasciando un residuo solido noto come Valoxy. L'acqua pulita, insieme all'acqua rimossa nella fase di dissoluzione, viene utilizzata per lavare i solidi.

Nella fase finale, la salamoia effluente continua nella sezione di cristallizzazione. Il cloruro di sodio e il cloruro di potassio vengono cristallizzati fuori soluzione, inizialmente separatamente e quindi in combinazione, per portare la miscela di sale alle specifiche richieste.

Un decanter in linea aumenta la concentrazione di solidi nel liquame, facilitando un maggiore recupero del sale. La miscela di sale finale viene convogliata verso le aree di stoccaggio per la successiva spedizione.

Servizio essenziale

RVA processa 110,000 tonnellate di residui di scorie saline ogni anno. Questo servizio è essenziale per una gestione ambientale sostenibile, garantendo che le scorie saline, che altrimenti sarebbero trasportate a grandi distanze per lo smaltimento, siano convertite in tre prodotti utili (con zero rifiuti solidi).

Sia i granuli / polveri di alluminio recuperati che il sale vengono restituiti al processo di produzione del cliente, mentre il terzo prodotto, il Valoxy, è una sostanza ricca di allumina proprietaria che può essere utilizzata come alternativa all'allumina e alla bauxite in applicazioni come cementi, leganti e mattoni.

www.wmftg.com

Watson-Marlow Fluid Technology Group

Watson-Marlow Fluid Technology Group (WMFTG) è il leader mondiale nelle pompe peristaltiche di nicchia e nelle tecnologie associate ai fluidi per i settori alimentare, farmaceutico, chimico e ambientale

Firma: iscrizione Platinum

Notizie correlate

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati dei tuoi commenti.