← Torna alla categoria Gestione dei rifiuti e riciclaggio

L'ultima ricerca mostra grandi risparmi di CO2 per i polimeri riciclati di Axion

Revisione dell'impronta di carbonio

I polimeri riciclati hanno una marcata di carbonio significativamente inferiore rispetto alle plastiche vergine a base di olio - fino a 89% per ABS - secondo le ultime ricerche di Axion Polymers.

L'analisi del footprint di carbonio 2017 Axpoly® del riciclatore di plastica a base di Manchester rivela anche un risparmio di carbonio di 82.5% per i riciclati (HIPS) e 73% per i riciclati (PP).

I risparmi CO2 sono grandi, secondo Axion. La loro squadra ha calcolato che utilizzando una sola tonnellata di Axpoly ABS invece di materiale vergine per produrre beni darebbe un risparmio di 3,380 kg di CO2 - equivalente a un camion articolato 40ft che trasporta il materiale 2,272 miglia. Su un carico a pieno carico, lo stesso camion potrebbe essere pilotato miglia 45,500 o quasi due volte nel mondo sui risparmi CO2 equivalenti.

Axion Polymers produce tre tipi di polimeri riciclati dai loro avanzati impianti di ritrattamento per residui di frantumazione automobilistica (ASR) derivati ​​dai veicoli di fine vita (ELV) e dai RAEE. Si tratta di Axpoly® PP (polipropilene), ABS (acrilonitrile-butadiene-stirene) e HIPS (polistirene ad alto impatto) e sono le materie plastiche più comuni utilizzate nei mercati automobilistico ed E & E negli scorsi anni 15.

Minore impatto del carbonio

I polimeri Axpoly® possono essere utilizzati come sostituti diretti per il polimero vergine o combinati con polimeri vergini per produrre un polimero di elevato grado con contenuto riciclato che può essere utilizzato in applicazioni esigenti.

Il nuovo studio è stato indotto da recenti investimenti in processi di separazione più efficienti e nel miglioramento della produttività che ha aumentato la resa dei polimeri finiti. Axion ha basato la sua metodologia sulle fasi di processo simili per rendere il polimero a base petrolifero dal greggio per consentire un confronto diretto tra i percorsi di processo e le emissioni di carbonio risultanti.

I calcoli sono stati condotti da Head of Engineering & Research di Axion, Richard McKinlay, che ha dichiarato: "Queste" nuove metriche "dell'economia circolare sono i numeri che devono essere considerati dai progettisti e dagli specificatori di materiali polimerici nella scelta della plastica da utilizzare in nuove parti e componenti su tutti i tipi di beni di consumo e veicoli. "

Il direttore Axion Keith Freegard spiega: "Ciò che abbiamo confermato è che, mentre la nostra tecnologia di processo è stata sviluppata, il nostro rendimento è aumentato, la nostra efficienza è migliorata e il nostro consumo di energia per unità di output è molto migliore con abbassamento più basso e migliore rendimento; Poi che tutti pagano in un miglioramento dell'impronta di carbonio per tonnellata di prodotto in uscita ".

Continua: "Questo mi dimostra che effettivamente l'utilizzo di una metrica del carbon footprint è un ottimo modo per monitorare se il tuo processo è una conversione efficiente di rifiuti in prodotto finito".

Keith dice che i clienti possono trarre vantaggio dalla loro analisi dimostrando i risparmi di carbonio accreditati per i loro prodotti stampati finiti. "Abbiamo già sentito parlare da alcuni clienti che sono entusiasti di avere un nuovo numero aggiornato sui risparmi che si accumulano a loro. Siamo anche felici di fornire un'analisi di carbonio su misura per le loro operazioni in modo da trarre vantaggio dal lavoro che abbiamo fatto per misurare la propria impronta di carbonio ".

Riferendosi alle recenti chiamate da parte delle principali società petrolchimiche per una 'tassa sul carbonio' ​​(Clicca qui) Per accelerare la transizione verso un'economia circolare e ridurre al minimo l'impatto ambientale, Keith suggerisce che sarebbe ora opportuno applicare questo tipo di metrica sotto forma di tassazione sui principali produttori.

Aggiunge: "Naturalmente, se tutti lungo la catena produttiva stavano raccogliendo la loro imposta per l'impatto del carbonio di quello che facevano, sarebbe stato un grande driver finanziario per i produttori di passare da polimeri vergini a quelli riciclati. Un giorno che verrà! "

Axion Polymers è parte del Gruppo Axion che sviluppa e gestisce soluzioni di recupero di risorse innovative e di trasformazione per il riciclaggio di materiali di scarto. Il Gruppo lavora con una vasta gamma di clienti all'interno delle industrie di riciclaggio e di processo per lo sviluppo concreto di nuovi metodi di lavorazione e raccolta.

Per ulteriori informazioni, contattare Axion Polymers su 161 737 6124 o visitare il sito Web - www.axionpolymers.com; @axionpolymers.

Le richieste di lettura / commercio a:

Axion Polymers
Langley Road South
Salford
Manchester
M6 6HQ
Tel: 0161 426 7731 / Fax: 0161 426 7732
E-mail: [Email protected]

Process Industry Informer

Richiedi maggiori informazioni su questo articolo news / prodotto

Notizie correlate

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati dei tuoi commenti.